Un Altro Dread Pirate Roberts?

[Di Logan Marie Glitterbomb. Originale pubblicato su Center for a Stateless Society il 14 gennaio 2017 con il titolo Is It Time for the Next Dread Pirate Roberts? Traduzione di Enrico Sanna.]

Il venti settembre 2010, craigslist.com è stato costretto a chiudere la sezione “adulti” dal suo portale perché molti annunci erano usati per pubblicizzare servizi sessuali. Dopo la rimozione, molti professionisti del sesso sono passati a pubblicare annunci in sezioni simili usando parole in codice. Questo sistema clandestino ha dato un po’ di sicurezza ai professionisti e ha permesso a craigslist di mantenere un certo divieto. Ma è pur sempre un sistema facilmente identificabile e molti professionisti restano esposti alla legge.

A febbraio 2011 Silk Road ha debuttato su darknet per la delizia di agoristi, fan di bitcoin e commercianti di droghe con il pallino della tecnologia. Silk Road era molto più di un mercato della droga: molte delle sue conquiste più importanti riguardavano l’avanzamento della libertà e la sicurezza per gli operatori del mercato. L’uso di bitcoin e di pratiche come tumbling, e il fatto che si potesse accedere su darknet tramite TOR, hanno esaltato l’anonimato, mentre le recensioni dei clienti, l’ampia scelta e le istruzioni per la spedizione lo hanno reso più sicuro e conveniente per il consumatore. Dalla sua chiusura nel 2013, e la chiusura di Silk Road 2.0 l’anno dopo, su darknet sono comparsi molti altri mercati come Agora e Open Bizarre, con diversi gradi di successo.

A luglio 2015, Visa e Mastercard hanno fatto pressione sul sito clearnet backpage.com affinché chiudesse la sezione “adulti” perché era usata per pubblicizzare servizi sessuali. Invece di cedere, backpage ha lasciato Visa e Mastercard per usare bitcoin come principale mezzo di scambio. La decisione è stata celebrata ovunque dai sostenitori di bitcoin. Sono nate guide per principianti che insegnano ai professionisti del sesso come usare bitcoin, /r/Bitcoin ha visto un’impennata di sottoscrittori e partecipanti ansiosi di imparare, mentre alcuni fan di bitcoin hanno coordinato gli sforzi per raggiungere diverse città e tenere corsi informali per gruppi e singoli.

In seguito ad un recente rapporto del senato americano, backpage è stato costretto a chiudere le sezioni “adulti” sulla base di quello che i rappresentanti di backpage chiamano “censura governativa incostituzionale”. In ogni sezione, a caratteri rosso vivo, c’è la scritta “censurato”. Cliccando, compare questo messaggio:

CENSURATO
Il governo ha censurato incostituzionalmente questo contenuto. Cosa è successo? Scoprilo
Proteggi la libertà di espressione su internet. Vai su: Center for Democracy and Technology, Electronic Frontier Foundation, e Cato Institute.
Usa i tuoi social media per sostenere #FREESPEECH #BACKPAGE
Fai una donazione a Children of the Night, un’organizzazione dedicata alla liberazione dei bambini dalla prostituzione.

Nonostante il colpo, backpage.com ha promesso che proseguirà nella lotta per la libertà di espressione, come quella che Ross Ulbricht, alias Dread Pirate Roberts, stava portando avanti con il suo Silk Road. È una lotta che accomuna la madre di Ross, simpatizzanti, creatori e utenti del mercato deepweb e dei siti clearweb nati in seguito, come backpage, ma anche siti di pirateria come The Pirate Bay. La questione non è se il creatore di un sito debba essere responsabile o meno delle azioni degli utenti, ma anche se cose come la pirateria, la droga o i servizi sessuali debbano essere illegali.

Secondo il senato, la sezione adulti di backpage.com doveva essere chiusa perché usata da trafficanti che costringono bambini a prostituirsi. In realtà, backpage è servito ad ostacolare il traffico di minori tramite la collaborazione con Children of the Night:

“Per i bambini americani costretti alla prostituzione è un giorno triste,” ha detto il dottor Lois Lee, fondatore e presidente di Children of the Night, importante telefono amico e programma di protezione nazionale dedicato alle vittime del traffico sessuale con base a Los Angeles. “Backpage.com era uno strumento investigativo importante a cui attingevano detective e agenti americani sul campo per localizzare e liberare bambini di cui si sono perse le tracce nonché arrestare e processare gli sfruttatori.” Poi aggiunge: “La possibilità di rintracciare bambini potenzialmente sfruttati su un sito che si offre ad aiutare e cooperare con la polizia come ha fatto Backpage è assolutamente unica. Non solo ha agevolato il compito delle autorità, ma ha anche permesso la liberazione dei piccoli e l’arresto degli sfruttatori.”

Qualche libertario può giustamente essere scettico riguardo la collaborazione con la polizia di un sito che dice di lottare per la libertà dei professionisti del sesso, ma dalla sua c’è anche il fatto che spesso ha collaborato con gli inserzionisti per rendere le inserzioni meno smaccate ed evitare di avere brutte sorprese con la polizia. Sebbene imperfetta, questa strategia a due punte aiuta le vittime proteggendo allo stesso tempo il diritto di chi volontariamente usa il sesso per guadagnarsi da vivere.

Anche se Backpage promette che continuerà la lotta, nell’immediato occorre aiutare chi è più colpito da questa perdita. Molti professionisti utilizzavano backpage.com come principale fonte pubblicitaria. Qualcuno ha anche pagato anticipatamente per una serie di inserzioni e non sa come fare per riavere indietro i soldi. Ora queste persone per farsi pubblicità non hanno un posto che sia altrettanto fidato e frequentato. Molti confidano sui servizi sessuali come principale fonte di guadagno e questo significa che andranno incontro a grosse perdite con conseguenti rischi.

Molti di loro stanno tornando ai messaggi in codice nella sezione appuntamenti di backpage e craigslist, mentre altri si azzardano a promuovere e condividere altre opzioni.

Se conoscete di queste persone, o se siete voi professionisti del sesso e disponete di più risorse di altri, contattateli ed offrite aiuto. In tempi così duri, un po’ di soldi o di bitcoin, qualcosa da mangiare, un cuscino su cui poggiare la testa, ma soprattutto un aiuto a trovare altri mezzi pubblicitari, possono fare molto in termini di sicurezza e relativa stabilità per gli amici professionisti del sesso. Se non ne conoscete, potete donare ad una delle tante associazioni come Global Network of Sex Work Projects, e Sex Workers Outreach Project, e molti, molti altri che offrono risorse e aiuti legali a chi ne ha bisogno.

Offrire risorse a chi è più colpito da questi provvedimenti funziona nell’immediato, ma non è una soluzione di lungo termine. Siti come backpage offrono ai professionisti del sesso la possibilità di essere indipendenti e lavorare per se stessi invece di affidarsi ad un magnaccia o altri. Forse il settore abbisogna di una sua Silk Road. Forse gli occorre un altro Dread Pirate Roberts.

Free Markets & Capitalism?
Markets Not Capitalism
Organization Theory
Conscience of an Anarchist